IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (F.I.L.): COSA FARE? 21/11/2016 – Dott.ssa Sara Galluzzo

IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (F.I.L.): COSA FARE?

21/11/2016 – Dott.ssa Sara Galluzzo

 

La Dott.ssa Sara Galluzzo, laureata in Psicologia clinica e Scienze della Formazione Primaria all’Università di Firenze, lunedì 21 novembre ha chiuso il ciclo dei tre incontri di formazione organizzati dall’A.I.M.C. di Massa. L’argomento trattato, particolarmente attuale e complesso, ha avuto come oggetto il funzionamento intellettivo limite (F.I.L.) ed è stato seguito da un cospicuo numero di docenti di diversi gradi scolastici, che hanno apprezzato il taglio concreto e i consigli offerti dall’esperta.

Il FIL è un’alterazione dello sviluppo cognitivo che può avere ripercussioni sul piano sociale, emotivo ed è causa di bassa motivazione nei confronti delle attività di studio. Esso può essere la conseguenza di fattori neurobiologici ma anche di un ambiente famigliare povero di stimoli socio-culturali, talvolta caratterizzato da problematiche psichiatriche o da  comportamenti deviati dei genitori (droga, uso di alcol, atteggiamenti violenti etc.).

Il fenomeno del F.I.L. è presente nella popolazione scolastica nella misura del 13-18%  e in genere dà luogo a difficoltà nella scrittura (sul piano grafico-ortografico), nella comprensione del testo, a carenze e ritardi nell’espressione verbale, nella risoluzione di problem-solving e nella memorizzazione.

In chiusura la relatrice ha consigliato il recupero delle difficoltà all’interno di un piccolo e omogeneo gruppo di bambini e l’utilizzo di strategie individuali come le misure dispensative e gli strumenti compensativi. Tra questi ultimi risulta particolarmente efficace il programma SUPERMAPPE che consente di creare delle mappe concettuali con le immagini per facilitare alcuni apprendimenti complessi come quelli della storia.

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

CORSO DI FORMAZIONE A LUCCA: LA METACOGNIZIONE PER UNA SCUOLA INCLUSIVA.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

FANTASTICHANDICAP

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

“La consapevolezza nell’educazione del bambino. Come creare le condizioni ottimali per l’apprendimento e il benessere tra i banchi di scuola.”

L’incontro AIMC, svoltosi il 14 novembre nell’aula Magna dell’Istituto Comprensivo “C. Bertagnini” di Massa, ha avuto come tema “La consapevolezza nell’educazione del bambino. Come creare le condizioni ottimali per l’apprendimento e il benessere tra i banchi di scuola.

I tre relatori, specializzati nell’ambito dello yoga per bambini (Ins.te M.Grazia Pedrini), dello sviluppo del pensiero positivo e creativo (Antonio Lorenzini) e dell’intelligenza emotiva e sociale (Dott.ssa Castelli Gaia), hanno saputo trasmettere ai numerosi insegnanti intervenuti emozioni e interessanti spunti di riflessione didattica su argomenti così cogenti nella scuola moderna che spesso privilegia il contenuto disciplinare a discapito del benessere interiore, condizione fondamentale e imprescindibile per apprendere bene.

Spiegazioni chiare unite a immagini, a filmati e ad un accattivante attività laboratoriale, hanno consentito ai partecipanti di fare un’esperienza significativa per la presa di coscienza della propria dimensione interiore.

L’AIMC di Massa ringrazia i formatori per la loro professionalità e bravura augurandosi di poter, in un futuro prossimo, approfondire aspetti e tematiche sullo stesso argomento riguardante la consapevolezza e la gestione delle emozioni.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

BUROCRAZIA E SCUOLA. STEFANO PAGNI FEDI

La scuola funziona con alcuni presupposti semplici:
che sia tutelato il diritto degli alunni all’apprendimento,alla continuità dell’apprendere e quindi alla stabilità del personale docente, che sia loro assicurata la presenza di docenti preparati e incentivati ad esserlo.
Altra condizione perché la scuola funzioni: che ci siano gli insegnanti, che gli insegnanti continuino ad esserci, che siano lasciati in pace ad insegnare e non sovraccaricati di compiti e oneri burocratico amministrativi.
Ora,da molto tempo, queste condizioni non si realizzano. I diritti dello studente sono gli ultimi a cui si pensa,l’ alunno è generalmente un soggetto ignorato da contratti scuola e normative varie; la stabilità dei docenti continua ad essere smentita dai fatti , inoltre i docenti sono sovraccaricati di funzioni ed oneri amministrativo progettuali e burocratici che li affaticano e distolgono dal compito primario, che è quello di insegnare bene ,con efficacia. In più, non sono ancora valorizzati sul piano economico in modo adeguato al ruolo sociale e culturale ed educativo che assolvono. Stefano Pagni Fedi

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

INCONTRI PEDAGOGICI A.I.M.C.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Datemi Tempo……da Montanelli Caffè con Mariangela Bonfigli

Sabato 24settembre, presso il bar “Montanelli Caffè” di Viale Roma si è svolto un interessante incontro con la Prof.ssa Mariangela Bonfigli, grafologa ed esperta nel trattamento della disgrafia. Il fenomeno della disgrafia è sempre più presente nelle nuove generazioni di studenti.
Il suo trattamento è difficile e quindi sarebbe meglio prevenire questo disturbo specifico dell’apprendimento anziché “curarlo”, talvolta in modo solo parziale. Per fare questo però è necessario rivalorizzare la manualità nella prima infanzia lasciando momentaneamenteda parte  tablet, smartphone e giochi elettronici. Gli insegnanti dovrebbero sviluppare una maggiore sensibilità verso la calligrafia che un tempo sulla pagella aveva una sua valutazione specifica. Abolire il corsivo come ha fatto la riforma scolastica norvegese non sembra la soluzione più idonea per affrontare questo complesso problema…
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

SETTE GIORNI PER LA SCUOLA – Le competenze trasversali nell’insegnamento della Religione Cattolica

La Dott.ssa Enrica Talà dell’Ufficio Scolastico Diocesano di Livorno ha iniziato in suo intervento ponendo una domanda di senso raccontando un aneddoto a carattere metaforico per far capire che spesso siamo sviati dalle banalità della vita a nocumento dei principi morali e vitali dello spirito. I docenti di religione devono quindi cercare di aiutare gli alunni a farsi domande di senso esistenziale per dare valore alla famiglia, alla salute, all’amore per gli altri, allo stare insieme, alla solidarietà etc. La relatrice inoltre ha sottolineatol’importanza di valorizzare, all’interno del curricolo di religione, le opere sacre delle nostre Chiese per promuovere l’amore per l’estetica e la cultura.

L’incontro, organizzato dall’Ufficio Scolastico Diocesano di Massa-Carrara in collaborazione con l’AIMC della nostra provincia, sarà seguito nelle prossime settimane da altri eventi a carattere religioso che rientrano nel progetto “Sette giorni per la scuola”.  

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

SETTE GIORNI PER LA SCUOLA

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

“DATEMI TEMPO” MARIANGELA BONFIGLI CI PARLA DI DISGRAFIA DA Montanelli Caffè -

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento